Tuesday, November 22, 2016

Quale dei tre?

C'ho in testa almeno tre post. Tre.
E non riesco a decidermi su quale scrivere.

-Uno su tre ricette con la zucca, che è bella, buona, di un arancione magnifico e a casa nostra ci accompagna da novembre a gennaio, almeno. E per noi zucca significa "casa autunno". E a questo post ci penso e mi scalda il cuore.

-Uno sull'effetto Trump visto dall'altra parte del confine americano. Che mi sono rotta i coglioni di sentire gente qui, in Italia e in Europa, miei genitori inclusi, che dicono "No, ma guarda che poi si calma!" oppure "Sembra Berlusconi!" o "Quante similitudine con l'Italia!" o ancora "Ma vedrai che tutti lo terranno d'occhio!". Se la pensate così, non avete capito dove sta il problema. E a questo post ci penso e mi girano le balle e divento una carogna.

-Uno sulla cosa che più mi manca dell'Italia. Che non è la pizza, né la mozzarella, né l'arte. E a questo post ci penso, poi guardo il Teodolindo e gli dico "Sei diventato Canadese", e mi viene nostalgia.

E bon, nell'attesa di decidermi rifletto e metto nero su bianco l'indecisione.


13 comments:

  1. Ma scriverli tutti e tre pare brutto?

    ReplyDelete
    Replies
    1. Si', il punto e' che non so in che ordine... Eh, son problemi.

      Delete
  2. Ah, beata te che sei indecisa! Io non riesco a uscire dal numero 2 :-(

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ma infatti pure io! Per quello sono nell'impasse.

      Delete
  3. Come tua lettrice, posso esprimere la mia preferenza, che è per l'articolo su Trump? Leggendo altri post di italiane immigrate in USA ti ho pensato e mi sono proprio chiesta come vede la faccenda chi è tanto vicino ma anche altrove come te.
    Grazie in ogni caso per l'attenzione
    Mila

    ReplyDelete
  4. So che non è stato richiesto, ma io esercito il mio voto il lettrice esigente e nomino il post della zucca quello più urgente e più importante... Non per altro, ma ho due robe enormi e periformi che ho comprato e che maciullerò per fare una zuppa di zucca. Salvale te, Slicing, offri alle mie povere zucche una chance di essere una cena raffinata!
    (E poi attendo con pazienza gli altri, che mi paiono uno altamente istruttivo e l'altro altamente misterioso!)

    Alice zuccatrice

    ReplyDelete
    Replies
    1. Alice, gnocchi di zucca! Sono facilissimi e ottimi! Fai la zucca a pezzi grossi con buccia e tutto, togli i semi col cucchiaio e la cuoci col metodo che preferisci: forno (coperta con l'alluminio), a vapore o col microonde (7-10 minuti a seconda della potenza). Poi la scavi col cucchiaio e la schiacchi con la forchetta. Aggiungi 250 di farina per 400 di zucca cotta, più 1 uovo, sale e noce moscata e mescoli di nuovo tutto con la forchetta. Acqua bollente salata in pentola e via a cucchiaiate finchè non galleggiano. Conditi come ti pare, burro e salvia secondo me vince sempre!
      Slicing, perdona l'intrusione culinaria :) Adoro la zucca e questo è uno dei miei piatti preferiti, il cibo va condiviso!

      Delete
  5. Io partirei da casa che è via, una cosa coccola che fa un po' bene e un po' mette malinconia. Per poi aprire le dighe e parlare degli States. E infine la zucca, che non ha pretese e aspetta quieta e dolce e serve dopo lo sfogo :) Per la serie, consigli non richiesti.
    Molto curiosa anch'io del post sulle elezioni...

    ReplyDelete
  6. io li vorrei tutti e tre, nell'ordine 3-2-1. e sai cosa vorrei anche? un aggiornamento sullo studio del cinese (se lo stai ancora studiando). ma anche i cinesi hanno nomi propri sorprendentemente simili a termini di uso comune, col risultato che escono frasi tipo "lui li la" per dire "la signora lui va al cinema"??

    ReplyDelete
    Replies
    1. L'aggiornamento sul cinese arrivera'!

      Delete
    2. E comunque si', riguardo ai nomi. Ieri sono capitata sul blog di una ragazza che si chiama "semi assassini". Pero' d'altra parte ci pensavo e mi dicevo che un po' capita anche da noi: non e' che tutte le volte che senti uno che si chiama Franco pensi che sia una persona schietta...

      Delete
  7. E dai dillo che sono io la cosa che più ti manca dell'Italia...

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ma tu non sei una cosa, darietta mia. Sei una deliziosa personcina! :)

      Delete