Monday, September 25, 2017

Sbucciando pere e mele

Volevo scrivere un bel post sull'arrivo dell'autunno e su come questa stagione mi scateni l'impulso irrefrenabile di sbucciare frutta per poi farci crostate, torte e clafoutis.
Poi, da una settimana, il solito meteo estremo di Montreal ci ha sorpreso con un ritorno dell'estate, temperature oltre i 30 gradi, cielo blu e sole caldo. Le piscine hanno riaperto, si indossano di nuovo canotte e pantaloni corti e noi ceniamo in terrazzo.
Ma io avevo già comprato kg di mele e kg di pere che ora giacciono in cucina e mi guardano dicendo: "Ci hai sedotte e abbandonate? Tutte le tue promesse?"
Le mantengo.
Voilà le mie due ricette preferite al momento, come al solito usate per la colazione.

Clafoutis pere e cioccolato
Questo si fa in un batter d'occhio, davvero. Ricetta perfetta da fare una sera in settimana. Io di solito procedo così: finita la cena, mentre il Teodolindo sparecchia, io e il Sig. Tenace ci attardiamo a tavola, ciacoliamo e intanto io sbuccio due o tre pere e le taglio a pezzetti piccoli.
Poi si procede con tutto il rituale per mettere a letto il pargolo: libri, lavaggio denti, canzoni e storie nel letto.
Quando il Sig. Tenace dorme beato, ritorno in cucina, accendo il forno a 180 gradi e mentre il forno si scalda preparo l'impasto, mescolando nell'ordine:

30g di farina di tapioca
30g di farina di riso bruno o di miglio
30g di farina di mandorle o mandorle tritato
(come al solito, per i non celiaci, il mix di farine è sostituibile da 100g circa di farina bianca, ma che noia...)
50g di zucchero
2 uova
200 ml di latte

Sistemo le pere tagliate sul fondo di una tortiera coperta di carta forno o imburrata e infarinata, ci aggiungo una manciata abbondante di gocce di cioccolato fondente, verso sopra l'impasto.
Di solito finisco addirittura prima che il forno abbia raggiunto la temperatura.
Lascio cuocere per 40 minuti, poi tiro fuori e lascio raffreddare sul bancone della cucina fino al mattino dopo (o per un po' se volete assaggiarne una fetta tiepida la sera).
L'unico aspetto negativo di questo clafoutis è che a casa nostra dura solo due colazioni: il primo giorno ne parte mezza, e il secondo viene finita. Ma il procedimento è così veloce che la faccio più volte a settimana.


Colazione iniziata da cinque minuti. Dopo altri venti la torta sarà ormai dimezzata.


Apple pie
Questa è solo un filo più laboriosa, in parte per il tempo di raffreddamento della frolla in frigorifero e in parte perché il Sig. Tenace non resiste all'accoppiata frolla-mattarello e vuole partecipare alla preparazione dei due dischi di pasta, con disastri annunciati e pezzi di frolla burrosa spalmati ovunque. Ormai gioco d'anticipo e abbondo con le dosi, per potergliene dare una pallina con cui fa quel che vuole dotato del suo mattarello personale.
Visto che sono un po' di corsa, anziché trascrivere le dosi, ho fatto le foto al mio quadernetto di appunti di cucina:



Come per una frolla qualsiasi, si setacciano insieme le farine con zucchero e sale, si unisce il burro tagliato a pezzetti e si lavora con la punta delle dita fino ad avere un composto sbricioloso. Si aggiunge l'uovo e qualche cucchiaio di acqua ben fredda per poter fare una bella palla che si mette poi a riposare in frigo almeno trenta minuti. È una frolla molto poco dolce, ricorda quei goduriosi biscotti scozzesi, gli shortbreads
Intanto si sbucciano 3-4 mele, si tagliano a pezzetti e si fanno appassire in un pentolino a fuoco basso, con magari un cucchiaio di acqua. Se le mele sono acidule, potrebbe essere il caso di aggiungere un cucchiaio di zucchero o, come faccio io, dello sciroppo d'acero, per compensare la frolla poco dolce. Se piace, si può spolverare un po' di cannella.
Si divide la frolla in due parti quasi uguali: la porzione più grossa serve per il fondo, la più piccola per lo strato che copre. Si stendono con il mattarello: con la prima si fodera una teglia rotonda, su cui si adagiano le mele, e si ricopre con il secondo disco di frolla. Io incido la pasta per permettere al vapore di uscire. 
Per la cottura, si inforna a 180C per 30 minuti circa, forse anche di più. Non ricordo. Io vado a occhio... e a profumo. La pressapochezza delle mie ricette ormai è nota. 

Ormai non ho più alcun pudore nel pubblicare foto penose


E voi cosa fate con pere e mele di questi tempi?


15 comments:

  1. Noi, donne di sostanza,siamo fans delle foto "chi ciapo ciapo"😉

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ue' Amanda! Ti sei dimenticata di dirmi cosa fai con pere e mele!

      Delete
  2. Mele:strudel, torta yogurt mele e cannella, torta di mele burrosa, mele al forno con miele e cannella.
    Pere:torta yogurt cioccolato e pere e qualsiasi matrimonio col cioccolato che è la morte sua. Le ricette le trovi da me alla voce piccoli chef

    ReplyDelete
  3. Io le pere e mele me le tengo a debita distanza :P
    Però mi piaceva tanto la torta di mele, ma proprio tanto tanto!

    ReplyDelete
  4. io faccio la torta di mele morbida, così (saprai tu come sostituire le farine):
    2 uova
    150 zucchero
    200 ml panna o yogurt o ricotta o mascarpone o quel che c'è
    4 cucchiai olio semi
    1 pizzico di sale
    200 gr farina
    8 gr lievito per dolci
    mescolo tutto, verso in teglia, sbuccio 2 mele e le taglio in 8, dispongo gli spicchi sull'impasto.
    spolverizzo con fiocchetti di burro, zucchero e cannella e cuocio circa 45 minuti a 180°.
    non c'è da montare niente, solo mescolare, io la fo ad occhi chiusi! è la mia torta al volo!

    ti volevo anche dire, da mo', che ho finito di leggere (già da un bel po' a dire il vero, stavo ancora in viaggio) "le figlie perdute della cina". me lo aspettavo non tanto informativo e molto sconvolgente, ho trovato l'esatto contrario. mi è piaciuto e ti ringrazio.

    ReplyDelete
  5. Vi adoro con queste ricette magari la faccio anche io.
    Io le mele le guardo deperire nel portafrutta

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ah per carità! E' un'opzione anche quella! :-D

      Delete
  6. Ieri sera ho fatto il tuo clafoutis con le ultime due pere rimaste nella fruttiera, che qui da noi è appena cominciata la primavera e le pere hanno lasciato spazio alle fragole e presto le ciliegie! Se può consolarti, qui non è nemmeno durato un giorno: tra colazione, merenda prima e dopo piscina, dolcino serale, siamo già pronti per un'altra torta!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ma tu dove vivi per essere alle porte della primavera?!

      Felice di sapere che il clafoutis e' stato apprezzato :)

      Delete
    2. In cile.. E quindi emisfero sud!

      Delete
  7. Io faccio la torta din-din: pastafrolla di base cotta in forno da sola (solo metà cottura). Aggiungo strato di nutella e strato di fettine di pere (o
    Pesche sciroppate), poi strato di crema pasticcera classica non aromatizzata al limone e poi completo la cottura in forno.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ma questa e' una vera bomba!! Devo provarla.

      Delete
  8. Le mele le mangio in aereo per assimilare qualche vitamina, le pere le metto nello yogurt a colazione. Non so cucinare i dolci, e spesso non li mangio neppure, ma le pere col cioccolato sono una gran leccornia!

    ReplyDelete
  9. Ho provato la tua ricetta del clafoutis ma in versione salata con pancetta e peperoni al posto della frutta. È venuto buonissimo!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Idea stuzzicante. Ma sai che adesso mi metto a farlo pure io? Dimmi un po', i peperoni li hai fatti cuocere a parte o li hai messi a crudo?

      Delete